0

Guida al prodotto

 Tipologie di mutande

SLIP

   

Lo slip è la mutanda classica, tradizionale, non troppo sgambata e aderente, tenuta in vita con un elastico. Lo slip solitamente viene considerato come indumento comodo e molto confortevole.

   

BRASILIANA

   

La brasiliana è via di mezzo tra tanga e perizoma: è un indumento intimo abbastanza sgambato, dove le natiche sono però parzialmente coperte. La parte posteriore della brasiliana è quindi più sottile rispetto a un classico slip, ma riesce a coprire comunque una piccola parte del sedere, a differenza del perizoma.

   

PERIZOMA

   

Il perizoma è diverso dallo slip per il fatto che può essere sgambato o meno sul davanti, e nella parte inferiore si caratterizza per una sottilissima striscia di tessuto che va a lasciare il lato B quasi totalmente scoperto e nudo.

   

GUAINETTA

   

La guainetta è molto simile allo slip classico. Le poche differenze si caratterizzano dall’altezza della mutandina e nella sua capacità contenitiva, maggiore rispetto al classico slip.

  

Tipologie di reggiseni

Il reggiseno non solo svolge una funzione di sostegno, ma è da sempre considerato un simbolo di sensualità e femminilità. Le aziende italiane specializzate nella produzione di intimo sono sempre alla ricerca di strumenti e di accessori che possano venire incontro alle più svariate esigenze del mercato, sviluppando ogni anno linee, tessuti, materiali ed accessori per rendere i loro prodotti sempre più ricercati, innovativi e funzionali. Ad oggi esistono una svariata quantità di reggiseni per ogni esigenza fisica e di gusto.

 

REGGISENI A COPPA PIENA

   

I reggiseni a coppa piena sono i modelli semplici e classici. Vengono chiamati così in quanto accolgono tutto il seno avvolgendolo. Sono comodi e funzionali, contengono e sostengono anche i seni più abbondanti.

   

REGGISENI A BALCONCINO

   

Il reggiseno a balconcino è un reggiseno molto scollato, dotato di ferretti sostenitori che mettono in risalto il decolleté sollevando il seno.

   

REGGISENI PUSH-UP

   

Il reggiseno push-up è una variante del reggiseno a balconcino. I ferretti sostenitori introdotti nelle coppe sono ravvicinati tra loro e le coppe sono imbottite, sospingendo verso l'alto e verso l'interno i seni. Esistono vari tipi di imbottiture, estraibili o non, in stoffa, in gel, ad aria, ad olio, preformata, tutte con la medesima funzione, quella di arrotondare le forme e di aumentarne il volume.

   

REGGISENI A TRIANGOLO

   

Il reggiseno a triangolo ha le coppe appunto con forma triangolare, possono essere cucite sulla bordatura del sottoseno o essere scorrevoli e distanziabili tra loro per aumentare la profondità del decolleté in questo caso il davantino, cioè il segmento di tessuto che unisce le coppe, non esiste.

   

REGGISENI A FASCIA

   

Il reggiseno a fascia veste il giro seno, dotato solitamente di spalline removibili e trasparenti per rimanere nascosto sotto gli abiti scollati. Può essere una vera e propria semplice fascia elastica con ganci oppure può avere coppe preformate, semirigide ed imbottite.

   

REGGISENI PREFORMATI

   

Il reggiseno preformato ha coppe già sagomate sulla forma del seno ed è perfetto per contenere anche le misure più abbondanti.

  

Le coppe

In Italia le misure di reggiseno vanno dalla prima (seno più piccolo) alla decima (seno davvero abbondante). Accanto a questa cifra, si trova spesso una lettera, che corrisponde alle dimensioni effettive della coppa:

     

A

 

Le misure con coppa A (seno scarso) corrispondono ad una misura di reggiseno che per quanto riguarda il sottoseno è identica alla B, mentre la coppa è uguale a quella della misura inferiore (ad esempio una terza A corrisponde esattamente alla misura che viene normalmente fornita come terza per quanto riguarda la fascia sottoseno, mentre la coppa è grande come quella della seconda misura con coppa B)

     

B

 

Le misure caratterizzate da coppa B corrispondono ad un seno medio, rappresentante la "normalità" per quella misura (ad esempio una terza B corrisponde esattamente alla misura che viene normalmente fornita come terza, sia per quanto riguarda la fascia sottoseno, sia per quanto riguarda la coppa);

     

C

 

Le misure con coppa C (seno forte) corrispondono ad una misura di reggiseno che per quanto riguarda il sottoseno è identica alla B, mentre la coppa è uguale a quella della misura superiore (ad esempio una terza C corrisponde alla misura che viene normalmente fornita come terza per quanto riguarda la fascia sottoseno, mentre la coppa è grande come quella della quarta misura con coppa B);

     

D

 

La coppa D, via via corrisponderà a quella di due misure superiori ecc.

  

Tipologie di tessuti

COTONE SANFORIZZATO

Il nome dato dal nome della procedura che subisce il cotone, “Sanfor”, dove quest’ultimo viene lavorato così da impedirne il restringimento dopo i frequenti lavaggi

 

COTONE MERCERIZZATO

Il cotone viene lavorato con soda caustica così da trasformare il filato, migliorando la lucentezza, affinità tintoriale e igroscopicità.

 

COTONE PETTINATO

Cotone che ha subito il processo di pettinatura, rendendolo cosi più soffice, resistente, lucido e liscio.

 

COTONE MODAL

Nome che considera la “Modal”, una fibra presa dalla polpa degli alberi che, aggiunta al cotone, ne migliora le qualità, la lucentezza e la resistenza al restringimento dopo il lavaggio e allo scolorimento. Viene impiegata nei filati per camiceria, abbigliamento sportivo, biancheria intima e biancheria per la casa.

 

COTONE FILO DI SCOZIA

Il filo di scozia è una tipologia di cotone prezioso e molto elegante, utilizzato spesso per i prodotti di intimo, garantendo freschezza e leggerezza.

 

COTONE INTERLOCK

Per "Interlock" si indica il tessuto in cotone a maglia incrociata, a volte può sostituire il tradizionale jersey. Rispetto a quest’ultimo, la sua composizione è maggiore; questo permette una migliore vestibilità del capo una volta indossato. Questo tipo di tessuto è utilizzato soprattutto per realizzare abiti, t-shirt, tute da ginnastica.

 

COTONE FELPATO

Cotone morbido e caldo, con superficie leggermente pelosa. Resistente e leggero, riesce comunque a trattenere il caldo per via della peluria, in quanto agisce da isolante.

 

CALDO COTONE

In pratica il cotone viene leggermente gonfiato in modo da essere ancora più morbido e caldo allo stesso tempo. Il comfort e il calore straordinari dati dalla tecnica “Mano Pesca” si sentono a contatto con la pelle.

 

PURO COTONE

La particolare morfologia della fibra del cotone conferisce una elevata igroscopicità che consente un immediato assorbimento dei liquidi e quindi una eliminazione rapida del calore. Da questo fattore importantissimo deriva una piacevole sensazione di freschezza e comfort.

 

MICROFIBRA

I tessuti in microfibra sono un prodotto dell'alta tecnologia. La loro caratteristica è il diametro della singola fibra inferiore a 6/7 micron, rendendole adatte a proteggere dalle intemperie del clima, consentendo la leggerezza caratteristica di queste nuove stoffe ipertecnologiche.

 

MISTO LANA

Fibre di lana, con le loro proprietà naturali, congiunte ad altre fibre (naturali o sintetiche), garantiscono comfort e caldo soprattutto nella stagione più fredda.

 

SPUGNA IDROFILIZZATA

Tessuti di spugna che hanno subito il trattamento della “idrofilizzazione”, dove vengono eliminate le parti cerose presenti nel cotone, ottenendo così una forte capacità di assorbimento dell’acqua.

 

LANA

Fibra tessile naturale che si ottiene da vari tipo di ovini. Risulta essere molto resistente e calda, grazie alla peluria che ricopre la superficie.

 

POLIESTERE

Fibra sintetica solitamente usata con cotone, poliammide ecc. per rendere i tessuti più resistenti e contenitivi.

 

SETA

Ottenuta dal bozzolo delle larve dei bachi da seta, la seta è una fibra proteica con la quale si possono ottenere tessuti pregiati.

 

VISCOSA

La viscosa è una fibra tessile artificiale che imita la morbidezza delle fibre vegetali, presentando inoltre una lucentezza serica, per cui veniva un tempo anche chiamata "seta artificiale”.